La ragazza dietro Two Cabbages Kitchen

Chi sono

Ciao, mi chiamo Cristiana, classe 1992, e vivo in Trentino. 

Ho capito che mi piaceva cucinare quando sono andata a vivere fuori casa, come spesso accade, poiché ho dovuto letteralmente imparare a far da mangiare da zero, per me e per il mio “all’epoca” ragazzo, ora marito, Mattia.

Prima, sapevo a malapena come preparare il caffè con la moka. Sì, è davvero così.

Mattia è un grande amante del buon cibo, venendo da una famiglia di cuoche – mamma e nonna, ed ho capito subito che se volevo fare pace dopo una litigata, fargli dimenticare una giornata pesante, oppure semplicemente renderlo felice, la chiave era proprio nella buona cucina.

So che questo potrà sembrare un pensiero arcaico o quantomeno “anti femminista” ma la realtà è che cucinare mi piace davvero, soprattutto con i giusti prodotti di stagione, meglio se del territorio, e vegetali, e per me è un modo di prendermi cura delle persone che amo. 

Siamo ciò che mangiamo – ci credo fermamente.


Gli inizi

Ho iniziato a soffrire di intolleranze alimentari durante il primo anno di università, nel 2011, ma all’inizio non capivo a cosa fossero dovuti quei disagi. Ricordo che c’erano giorni in ci non riuscivo nemmeno a camminare per entrare in aula tanto era forte il mal di pancia!

E’ stato proprio Mattia a suggerirmi che forse “avevo qualche problema con il latte”. Così ho smesso di berlo. Dopodiché sono seguiti vari esami sulle intolleranze e allergie, ho passato un paio d’anni cercando di evitare il frumento poiché ne ero risultata “sensibile” (non celiaca), così come le uova, il lievito e altri alimenti. E’ stato un periodo buio e seccante perché quei mi mancavano e la vivevo come una privazione.

Mi sono piano piano “disintossicata” (non ho mangiato la pizza per 4 anni, dal 2016 al 2020 lo giuro), e mi sono accorta che stavo effettivamente molto meglio, mi sentivo più energica, non avevo più pancia gonfia. 

Ma è stata proprio questa esperienza che mi ha costretta prima, ed incuriosita poi, ad informarmi sull’alimentazione. Mi sono avvicinata tantissimo alla nutrizione consapevole, ho iniziato a leggere tutte le etichette degli ingredienti, e a preparare in casa quelle cose che di solito per praticità si acquistano: gnocchi, pane, polpette, dado vegetale, ecc…

Una cosa tira l’altra e finalmente sono entrata in contatto con gli stili di vita vegetali, ho conosciuto persone che sono vegane e sono felicissime di questa scelta (non ultimo il pasticcere che ha preparato la mia torta di nozze – Michele Granuzzo della pasticceria Blacksheep) ed ho piano piano capito che forse potevo provarci anch’io.  


Perciò il mio percorso è stato lungo. Non sono diventata vegana da un giorno all’altro, ci sono voluti anni di graduale passaggio e se c’è una cosa che inizialmente mi frenava, era il giudizio di amici e parenti. Nessun mio conoscente stretto è vegano. Per fortuna piano piano le persone attorno a me hanno iniziato ad “accettare” e capire la mia scelta, e sono felice di poter dire che seguendo il mio esempio, tanti amici stanno consumando molta meno carne di prima.


Two Cabbages – Verza e Verzina

Verza
Verzina

Two Cabbages Kitchen nasce e parte da questo: il mio amore per la cucina vegana, e per i felini (ebbene sì, sono una gattara incallita!). Ne ho due, Verza (il bianco) e Verzina (la grigia) che vedete nelle immagini, ed infatti la traduzione di Two Cabbages Kitchen è proprio “La cucina delle due Verze”

Mattia ha salvato Verza dalla strada, quando era piccolo e ferito (gli è rimasta una cicatrice sul musetto) e dopo poco abbiamo adottato anche Verzina per tenergli compagnia. Sono con noi dal 2016 e sicuramente lo devo a loro se questo blog ha un nome.​

Grazie di essere qui!

Sono felicissima che tu stia leggendo le mie parole in questo momento perchè il blog è progetto che mi sta molto molto a cuore. Le ricette che troverai qui sono state tutte cucinate, testate, fotografate e, ovviamente, mangiate, da me e da Mattia. 

Quindi sono autentiche, con esse vorrei farti entrare virtualmente nella mia cucina e avvicinarti alla cucina vegetale e consapevole. Anche se non sei vegan* non importa: già il fatto che tu sia qui è bellissimo.

Se rifarai qualche ricetta, ne sarei entusiasta. Se hai i social (IG o FB) inviamele, taggami o fammi sapere se ti sono piaciute. 

Io non vedo l’ora.

Un abbraccio,

Cristiana, Mattia & i Verzoni

Scopri le mie ultime ricette